Analisi tecnica e modelli di volatilità sui rendimenti finanziari

Scritto il alle 8:33 da Bruno Nappini

Partendo dall’ipotesi che la quotazione di chiusura di un’attività finanziaria abbia un contenuto informativo sullo stato del mercato, i segnali di analisi tecnica costruiti su tali quotazioni possono fornire una valida approssimazione dei suoi andamenti. I segnali possono quindi essere utilizzati all’interno dei modelli econometrici come ulteriori elementi di spegazione dei rendimenti e della loro volatilità. La loro efficacia dipende anche dalla capacità dei modelli di farne un utilizzo appropriato e una condizione necessaria perchè ciò avvenga è l’adeguatezza dei modelli econometrici nell’interpretare i rendimenti e la loro varianza. Quest’ultima grandezza ha notevole rilevanza perchè rappresenta uno dei modi di misurare la volatilità della serie finanziaria.
La varianza è un paramentro fondamentale per trovare il giusto compromesso tra il rendimento medio atteso e la rischiosistà misurata proprio dalla varianza.
Le serie finanziarie hanno infatti un comportamento incostante, in termini tecnici non sono omoschedastiche ma eteroschedastiche. Normalmente la volatilità assume determinati comportamenti a seconda del rendimento: in mercati crescenti i rendimenti tendono ad essere caratterizzati da una volatilità inferiore rispetto ai rendimenti legati a fasi discendenti.
Un’altra caratteristica delle serie finanziarie è che le loro distribuzioni di probabilità sono leptocurtiche: le distribuzioni leptocurtiche o code grasse hanno la particolarità di assegnare una maggior probabilità ad eventi lontani dal valore medio della distribuzione rispetto alle probabilità assegnate da una distribuzione normale o mesocurtica.
Per cui eteroschedasticità e code grasse della distribuzione di probabilità sono due caratteristiche fondamentali delle serie finanziarie.
Ne approfitto per segnalare che sabato 9 aprile si terrà un incontro dove verranno affrontate alcune problematiche legate al trading e nello specifico al mondo delle opzioni. Chi vuol partecipare è benvenuto, basta prenotarsi.
progr

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: al termine della scorsa settimana l’indice italiano ha raggiunto un nuovo massimo annuo
La scadenza opzioni gennaio ha visto gli indici azionari fermarsi su importanti posizionamenti di op
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Diventa naturale aspettare una fase correttiva dopo una corsa infinita che sembra non finire mai
Come si cambiano gli Euro in criptovalute ? E poi, una volta cambiati, si può fare l’operazione
Uno non fa in tempo nemmeno a scrivere che il denominatore di tutte le più grandi crisi della s
Una economia sostenibile in grado di tutelare l’ambiente, anche se più lenta, sarebbe priorit
Ricordiamo che domani 21 gennaio alle 17.00 ci sarà il webinar UniCredit con ospite Eugenio Sartore
Guest post: Trading Room #348. Continua la corsa per i mercati finanziari e anche per la borsa ita