SP500

Scritto il alle 16:57 da Roberto Semprini

Ieri facevo alcune considerazioni sulla globalità dei movimenti degli indici mondiali. Tutti i principali indici hanno rotto i massimi degli ultimi 15 anni , per ultimo ieri il Nikkei  (grafico allegato). All’appello manca solo il Nasdaq che dista una manciata di punti dai suoi massimi storici assoluti fatti in occasione della bolla speculativa del 2000 sulle potenziali prospettive degli utili delle aziende dot-com. Bene : a questo punto le dinamiche sono tre :
1) l’indice rompe i suoi massimi storici e si innesca il solito meccanismo che richiama a mercato nuovi acquirenti ( a causa di TS che entrano sulle rotture , fondi hedge che alimentano il momento speculativo , short sqeeze di coloro che provano operazioni short sui doppi massimi ) ;
2) l’indice arriva in prossimità del doppio massimo e comincia a congestionare intorno ai massimi perchè inizia una fase distributiva poichè i prezzi hanno bisogno anche di “scaricare” oscillatori e indicatori di forza per “riprendere fiato” e ripartire con nuova benzina per effettuare la rottura dei livelli;
3) i prezzi arrivano in prossimità del doppio massimo , lo perforano di poco ( solitamente senza volumi e senza un movimento impulsivo) e in seguito ( a volte durante la stessa sessione ,a volte il giorno successivo) ritracciano e quando perdono i minimi del giorno precedente danno i primi segnali di vendita.
Oggi parla Draghi alle 15 e c’è l’importante testimonianza della presidente della FED , la signora Yellen a cui bisognerà prestare attenzione perchè le 3 ipotesi sopra citate saranno molto influenzate dalle affermazioni della Yellen sul fatto che la Fed sarà ancora o meno accomodante sulla prospettiva dei rialzi dei tassi.
Io propendo , per ora, per la seconda e la terza ipotesi , visto che i mercati USA hanno corso tanto e arrivano “stanchi” all’appuntamento “clou” della rottura dei doppi massimi. Attenzione al fatto che l’indice Nasdaq è l’indice guida e anticipatore dei movimenti : è ” lui ” che decide , nel bene e nel male, quale sarà la strada da prendere.

nikkeynasdaq storico

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
SP500, 10.0 out of 10 based on 2 ratings
Nessun commento Commenta

FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib. L’indice è finalmente riuscito a superare una resistenza molto importante. Si tratta d
Su tutti i sottostanti, appena rotti i livelli di resistenza di questa lunga congestione dove erano
Visto che molto spesso abbiamo parlato della finanza passiva, e visto che ormai il suo peso spec
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Si lo so, l'euro è stato dato per morto da tempo, nonostante questo e sulle macerie della class
Sull'equity, nonostante le impostazioni grafiche con minimi e massini crescenti, non si assiste di p
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
CDS (Credit Default Swap) settore auto a confronto e...non solo Secondo me con il default di Hert
Guest post: Trading Room #365. Il quadro tecnico che finalmente evolve e ci regala un livello graf