INTRODUZIONE ALLE OPZIONI

Scritto il alle 9:09 da Bruno Nappini

In questo articolo faremo una piccola panoramica del mercato delle opzioni.

Una Opzione è un contratto Derivato. Partiamo subito con la definizione tecnica.

Conferisce al compratore, che paga una determinata cifra chiamata premio al rischio, il diritto di possedere o di consegnare una determinata quantità di sottostante, titoli, azioni, future, ad un determinato strike price o prezzo base e ad una determinata scadenza. In modo speculare, il Venditore incassa il premio, ed è soggetto all’obbligo di ritirare o consegnare il sottostante su volontà del compratore.

L’esempio più calzante è quello dell’acquisto dell’assicurazione auto. Il compratore vuole coprirsi da un rischio. La compagnia assicuratrice è disposta a coprire il rischio facendo pagare una somma al compratore. A fronte dell’incasso di questa somma, il venditore si obbligherà a mantenere indenne il compratore dai danni derivanti dall’evento. L’entità del premio da versare dipende congiuntamente da una serie di fattori. Il compratore può scegliere il valore da assicurare e le relative franchigie. La copertura ha una scadenza, vale cioè fino alla scadenza del contratto di assicurazione. E il premio dipende fortemente anche della rischiosità del contesto in cui si trova il compratore: assicurare un auto in una città di 1.000 abitanti non è come assicurare un’auto in una città di milioni di abitanti.

Traduciamo in gergo finanziario le variabili che influenzano il prezzo dell’opzione.

Il compratore che paga il premio va long. Il venditore che incassa il premio ha una posizione short. L’evento è il movimento del sottostante, a rialzo o a ribasso. Il valore da assicurare è lo strike price. La scadenza dell’assicurazione è la scadenza del contatto di opzione. La rischiosità del contesto si chiama volatilità, cioè la velocità con cui si muove il sottostante entro un arco temporale definito. Se entro scadenza il sottostante non si è mosso oltre lo strike price, il venditore trattiene il premio incassato. Se il sottostante si muove oltre lo strike price, il compratore ha un guadagno proporzionato al movimento, e il venditore subisce una perdita. Chi vuole andare a rialzo compra una call, a ribasso una put

I contratti di opzione in borsa vengono conclusi su mercati regolamentati. I mercati regolamentati prevedono un market marker, cioè una istituzione finanziaria che si pone come controparte e come garante di un soggetto che vuole sottoscrivere un contratto di opzione in acquisto o in vendita su un titolo o su indice. Questo soggetto può essere compratore, ma anche venditore.

Insomma noi sui mercati possiamo vestire i panni dell’assicurato, ma anche dell’assicuratore, a seconda del nostro sentiment di mercato. Chi compra una call “long call” ha un sentiment direzionale rialzista, chi compra una put “long put” ha un sentiment direzionale ribassista, chi incassa un premio e vende una call “short call” ha un sentiment non rialzista (quindi laterale o ribassista), chi vende una put “short put” ha un sentiment non ribassista (quindi laterale o rialzista). Abbiamo inoltre una enorme flessibilità: possiamo scegliere il sottostante, lo strike price e la scadenza del contratto (un mese, due mesi, tre mesi ect.).

Aggiungiamo anche che il contratto concluso ha una sua vita autonoma, ed è quindi continuamente negoziabile, le parti hanno la facoltà, durante la vita residua, di scambiare il contratto con altri oppure chiudere il contratto senza necessariamente aspettare la sua naturale scadenza. Il contratto di opzione finanziaria può essere scambiato anche tra diversi compratori e venditori, prima di essere chiuso. La chiusura di un contratto di opzione potrà dipendere da svariati fattori: raggiungimento di un livello di guadagno o di un livello di perdita o perdita di interesse per quel determinato sottostante o altro.

Le opzioni sugli indici sono chiamate di tipo Europeo poiché l’esercizio può avvenire solo a scadenza, e si differenziano dalle opzioni su titoli, che sono definite di Tipo Americano, e che invece possono essere esercitate anche prima della scadenza, richiedendo la consegna del titolo entro il periodo di vita dell’opzione.

Ad esempio ecco le Opzioni sul principale indice Europeo, lo Stoxx50, che ha come riferimento i 50 titoli a maggior capitalizzazione dell’area Euro

Vediamo che con indice Eurostoxx50 a 3000 punti avremo una catena di opzioni prezzata dal Market Maker a strike di 25 punti in 25 punti.

A salire da 3000 troveremo i seguenti strike: 3025-3050-3075-3100 ect ect.

A scendere da 3000 troveremo i seguenti strike: 2975 – 2950 -2925 – 2900 a seguire ect ect.

Ovviamente ogni strike quoterà prezzi/premi diversi. In questo esempio, la scadenza dei contratti è tra 40 giorni e la volatilità è al 30%. Ogni punto ha un valore di 10 euro, per cui le call strike 3000 hanno un valore di 1200 euro.
Sono molteplici i motivi che rendono veramente interessante operare nel mercato delle opzioni preferendole al semplice acquisto delle azioni o di fondi di investimento che rendono i portafogli degli investitori passivi alle fluttuazioni dei prezzi dove le uniche strategie che lasciano a disposizione sono: a) la chiusura in perdita della posizione b) rimanere immobili nella speranza, spesso vana, che i prezzi possano risalire c) costruire sopra posizioni in perdita pericolosissime martingale.
Le opzioni consentono di costruire strategie speculative su tutti i mercati e di modificare in qualsiasi momento il profilo di rischio
Con le opzioni non è richiesta una presenza costante davanti al monitor
Non sono necessarie capitalizzazioni importanti ma solo movimentazioni coerenti con il profilo di rischio che intendiamo assumerci consapevoli dell’esplosivo effetto leva che le caratterizza
Con le opzioni è possibile creare un extra rendimento del proprio portafoglio titoli
L’utilizzo delle opzioni in funzione di copertura permette una importante protezione dei propri investimenti
Con le opzioni si può guadagnare in qualsiasi condizione di mercato: alta o bassa volatilità, al rialzo, o al ribasso come addirittura nei mercati laterali
E aggiungo che sono Ottime alternative addirittura all’acquisto dei singoli titoli utilizzando le adeguate strategie
Sono comunque degli strumenti finanziari particolarmente complessi, non hanno la linearità del future ma sottostanno a molteplici variabili che ne modificano il prezzo e la leva. Quello delle opzioni è quindi un mercato assolutamente specialistico dove la conoscenza del prodotto e le competenze debbono essere di assoluto spessore, altrimenti il rischio di importanti perdite di portafoglio è inevitabile come per qualsiasi attività svolta in modo superficiale.

Per approfondimenti vi rimandiamo alla pagina dei nostri video: SUNNYMONEY.IT

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
INTRODUZIONE ALLE OPZIONI, 10.0 out of 10 based on 1 rating
Nessun commento Commenta

Interessante fare un update, utilizzando i dati di Lipper per fare il punto su come si stanno m
Mercati particolarmente complicati e movimentazioni monetarie spesso contradditorie. Sulle Mibo s
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Quando bitcoin fa dei movimenti troppo violenti, come quelle degli ultimi giorni (+12% negli ult
Ftse Mib: apertura debole per il paniere italiano che si riporta sotto 19.000 punti. I livelli da mo
Non è che ci sia molto da raccontare in questi giorni, sono sempre le solite cose, nel delirio
Sulle opzioni Mibo si assiste all'apertura di call a strike 20250 ed alla chiusura parziale di put a
Lo so che parlare di MES significa finire in un ginepraio ma quando iniziano a girare una serie
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib. Dal punto di vista grafico, l’indice italiano è inserito da alcuni mesi in una fase la