I Derivati: Fair Value, Volumi e Open Interest

Scritto il alle 15:56 da Bruno Nappini

In questo 3° articolo didattico parliamo di fair value, di volumi e di open interest.
Il Fair Value o Giusto Prezzo rappresenta il valore teorico del titolo confrontato con le sue quotazioni di mercato e verifica se le quotazioni stanno sovrastimando o sottostimando l’attività oppure se il valore stesso è in equilibrio.

Applicando il concetto di Fair Value a un derivato quale il future significa che il prezzo teorico al quale il future dovrebbe essere scambiato rende di fatto impossibile la convenienza di operazioni di arbitraggio fra sottostante e derivato, ovvero il valore del future è uguale a quello dell’indice di riferimento e del peso percentuale di tutti i titoli che lo compongono.

Il prezzo del Derivato ha un rapporto diretto con l’Indice Sottostante. Al crescere dell’Indice cresce ugualmente anche il prezzo del contratto Derivato, ma spesso il valore dell’Indice è diverso dal valore del Derivato. Questo si spiega con il fatto che l’Indice è composto da titoli definiti come Contratti a Pronti, ovvero con il prezzo regolato nell’immediato, mentre il Derivato è un Contratto a Termine, ovvero con prezzo regolato nel futuro.

Comprare le azioni di un intero indice comporterebbe un esborso monetario importante, mentre l’acquisto o la vendita del suo derivato, il Future, comporta semplicemente un margine a garanzia di circa il 10% del valore monetario nominale totale.

Nella determinazione del Fair Value di un Future che ha come sottostante un indice composto da titoli azionari è necessario calcolare anche lo Stacco dei Dividendi. Chi opera con i Derivati utilizza un prezzo Fair Value senza Stacco dei Dividendi ovvero al netto dei dividendi. Maggiori saranno i dividendi attesi sul contratto Future e minore sarà il suo valore.

Un altro fattore che influenza il Fair Value di un derivato è il suo tempo a scadenza. Il tempo è la Variabile connessa al concetto di incertezza sul valore future dell’indice. Maggiore sarà il tempo a scadenza e maggiore sarà il valore temporale, cioè il rischio che il valore futuro dell’indice si discosti dal valore attuale.

Fatti salvi i fattori che determinano il prezzo teorico del Future, Prezzo Indice, Tasso di Interesse, Dividendo, Tempo a Scadenza, non è difficile calcolare il Fair Value di una scadenza a Tre mesi.

Prendiamo come ipotesi un prezzo indice pari a 3000, un tasso di interesse pari ad 1% ed uno stacco dividendi che incide sui tre mesi di vita del contratto future a circa il 4%.

Dobbiamo moltiplicare il Prezzo Indice (3000) per il risultato della moltiplicazione della differenza tra tasso di interesse e stacco dividendi (0.01 – 0.04=-0.03) per il numero dei giorni di durata (90) diviso i giorni totali di un anno solare (365), ovvero 90/365=0.24657. Il totale che ne esce è il Fair Value e che in questo esempio equivale a -22.19 che moltiplicato per 3000 (prezzo indice) ed arrotondato al valore superiore ci rimanda ad un prezzo futuro a tre mesi di 2977.

A questo punto dobbiamo ricordarci che la differenza di questi 23 punti fra Indice e Future tenderà gradualmente ad azzerarsi fino ad essere nulla il giorno della scadenza del Future. Siccome l’andamento dei prezzi di mercato si discosta in più o meno dal loro valore teorico non in modo lineare ma in modo asimmetrico, questa asimmetria delle quotazioni potrebbe dar luogo ad arbitraggi che permetterebbero di comprare l’attività sottovalutata e vendere l’attività sopravvalutata confidando nel certo allineamento dei prezzi perlomeno a scadenza del Future. Nella realtà attuale non è quasi mai possibile operare arbitraggi per inefficienze di mercato.

Gli altri fattori di particolare importanza sono i Volumi e gli Open Interest

I Volumi sono il numero di transazioni effettuate in un determinato periodo temporale ed indicano la liquidità di una determinata attività finanziaria. Maggiori volumi sono sinonimo di maggiore liquidità. Pochi volumi significa che il titolo è poco liquido e poco trattato.

Ad esempio Rossi apre due contratti future con Verdi, Rossi vende 1 contratto a Bianchi, Bianchi vende 1 contratto a Neri, Rossi chiude un contratto future con Verdi. Volume = 5

I Volumi in sé però non rappresentano nulla se non la sola liquidità del titolo e l’area di prezzo dove avvengono gli scambi.

In aiuto ai Volumi viene l’Open Interest.

L’Open Interest invece rappresenta il preciso numero di contratti rimasti a mercato ed il reale Valore Monetario messo a rischio dagli operatori.

L’Open Interest può aumentare, diminuire o rimanere invariato. È di fatto un numero maggiore di zero che può crescere o diminuire con l’apertura o la chiusura di posizioni.

Nell’esempio l’open interest alla fine della giornata è 1 nonostante gli scambi volumetrici sono stati 5

È ben diVerso dai Volumi che rappresentano semplicemente gli scambi che altro non sono che trattative di mercato. L’Open Interest invece rappresenta realmente i fatti ovvero tutte le trattative che si sono finalizzate in contratti rimasti dentro un determinato mercato. La sua lettura è particolarmente importante ed esistono oggi alcune sopraffine tecniche di lettura del mercato che non possono fare a meno di questi dati, una fra tutte la Funzione di Ripartizione che permette di determinare con sufficiente precisione i posizionamenti a mercato di tutti gli operatori, e che approfondiremo nella sezione dedicata.

Per approfondimenti vi rimandiamo alla pagina dei nostri video: www.sunnymoney.it

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

Interessante fare un update, utilizzando i dati di Lipper per fare il punto su come si stanno m
Mercati particolarmente complicati e movimentazioni monetarie spesso contradditorie. Sulle Mibo s
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Quando bitcoin fa dei movimenti troppo violenti, come quelle degli ultimi giorni (+12% negli ult
Ftse Mib: apertura debole per il paniere italiano che si riporta sotto 19.000 punti. I livelli da mo
Non è che ci sia molto da raccontare in questi giorni, sono sempre le solite cose, nel delirio
Sulle opzioni Mibo si assiste all'apertura di call a strike 20250 ed alla chiusura parziale di put a
Lo so che parlare di MES significa finire in un ginepraio ma quando iniziano a girare una serie
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib. Dal punto di vista grafico, l’indice italiano è inserito da alcuni mesi in una fase la