Analisi Mibo Settembre

Scritto il alle 14:03 da Bruno N

Il 20 Settembre sarà il Triple Widtching Day. Nel giorno delle Tre Streghe scadranno contemporaneamente il Future e le Opzioni sull’Indice e le Opzioni su Azioni. E’ quindi una scadenza di particolare importanza dove spesso l’esplosione e la compressione di volatilità la fanno da padrone.
Vediamo quindi come sono piazzati gli operatori sullo specialistico mercato delle Mibo Settembre.
Analizzando il totale delle Opzioni trattate è ben visibile come la componente Put, rappresentata dagli istogrammi rossi, sia ben superiore alla componente Call, rappresentata dagli istogrammi bianchi. Da qui calcoliamone il put/call ratio che rappresenta una sorta di sentiment del mercato.
Quando il put/call ratio è superiore ad 1 significa che il mercato sta prezzando maggiori probabilità di rialzo che non di ribasso. Nel nostro caso il FtseMib ha un p/c ratio pari ad 1,4 quindi superiore ad 1.
Dall’istogramma totale si vede che il primo supporto è rappresentato dalle 6263 put a strike 20000 e la prima resistenza è rappresentata dalle 2629 call a strike 22000. All’interno di questi livelli troviamo uno strike di indifferenza a 21500 dove put e call si coprono a vicenda in una sorta di straddle.
Dalla funzione di ripartizione si vede che la componente Call è diventata Itm per circa il 50% del totale. La rottura del livello con un aumento di contratti future segnerà probabilmente la partenza di un trend rialzista che ha come primo target lo strike 22250/22500. Al contrario rientreremo nell’area di indifferenza che si trova a strike 20750.

Andiamo ad analizzare gli ultimi dieci giorni di borsa. A partire dal giorno 20 agosto, con prezzi future a 20500, abbiamo assistito ad un aumento graduale di posizione put a strike 20000 ed alla costruzione di uno straddle a strike 20750. Successivamente, alla rottura dei 21000 si è assistito ad un aumento ulteriore dei future necessari alla copertura delle oltre 50% di call che erano diventate Itm e solo negli ultimi giorni si è visto l’ingresso di Call a strike 22250. Quindi supporti e resistenze ben definiti e arrivo dei prezzi in un’area non gradita che porterà il future a rientrare nella congestione oppure continuare la propria ascesa.
Operativamente, con le opzioni, è possibile tentare con molta parsimonia ed attenzione, di seguire il trend utilizzando una strategia in ratio di call con rapporto 1 a 2 rimanendo esclusivamente a debito e ad almeno mille/millecinquecento punti/strike di distanza fra comprate e vendute. Questa strategia ci consentirà di non perdere in caso di ribasso, essendo theta positiva e vega negativa, e di seguire il movimento in caso di rialzo essendo, le opzioni vendute, ad una distanza importante dalle comprate.

Per ultimo andiamo a vedere le volatilità implicite prezzate dal mercato e di come e dove, a scadenza, il mercato stia quotando gli eccessi utilizzando la funzione Montecarlo.
Le volatilità implicite sono in normale contango mentre il simulatore Montecarlo stima che il prezzo rimarrà tra 20276 e 22684 con il 68,2% delle probabilità mentre quota gli eccessi rialzisti e ribassista rispettivamente al 15,4% ed al 16,4%.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Analisi Mibo Settembre, 10.0 out of 10 based on 1 rating
Nessun commento Commenta

FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
La grande bolla da asset, o bolla della liquidità, ormai ci accompagna da tempo. E sembra insca
Ftse Mib: dopo una breve fase laterale, l'indice italiano il 4 novembre ha confermato in gap up la
Si è tenuta a Roma il 5 novembre 2019 alla presenza della ministra del Lavoro Nunzia Catalfo e del
ORE 7.40 Ancora segnali di forza su tutti gli indici azionari ma, come vedremo, su alcuni di essi
Tutti sono concentrati sul rally di borsa e sui nuovi massimi che i mercati stanno registrando.
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Non c'è più sordo di chi non vuol sentire. Nonostante le ore dedicate a scrivere articoli e co
Ftse Mib: l'indice italiano dimostra forza e ieri ha confermato il break dei 23.000 punti, mettendo
Questo è quanto si deduce da un’analisi del noto istituto di consulenza manageriale indipendent