18 NOVEMBRE

Scritto il alle 8:18 da Bruno Nappini

Aggiornamento dei posizionamenti monetari.

Prosegue sulle Mibo l’azione di rollaggio che ha come obiettivo di spostare il baricentro operativo più in alto. Chiusura di put a strike 20000 e riapertura a strike 21000, chiusura di call a strike 22000 e riapertura a strike 23500. Vista questa movimentazione sulle opzioni anche i future continuano a diminuire non essendo la loro presenza necessaria al portafoglio.

Sullo Stoxx invece, in controtendenza con tutti gli altri, si assiste, oltre che alla chiusura dei future, alla importante apertura di posizioni call su strike 3450, 3500 e 3550. Nessuna nuova put ma solo chiusure a partire da strike 3400 e 3350.

Dax che ancora vede aumentare la componente put e alleggerire la componente call lasciando molto spazio di manovra agli operatori, Future anche qui in diminuzione.

Su S&P invece i future, sull’importante value area 3600 sono in costante aumento. Chiusura di call a strike 3650 e 3750 e nuovi ingressi di put dietro al prezzo.
https://www.sunnymoney.it/18-novembre/

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

Qualche giorno fa l’amico Marco ci ha parlato di una nuova asset class, perché di questo si t
Mentre gli americani festeggiano il loro giorno del Ringraziamento, aiutati dagli psicopatici ch
Tabella di analisi delle società quotate su Borsa Italiana con dividendi, debito, price earning e p
Eccoci qui per un veloce aggiornamento su uno dei titoli long che in molti abbiamo in portafoglio ov
Aggiornamento dei posizionamenti monetari. Sulle mibo prosegue il continuo aumento di posizioni p
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
L’interesse nei confronti della Cina è molto alto. È stato il primo a ripartire dalla crisi
Ftse Mib: l'indice italiano conferma il break di 22.000 punti e raggiunge una resistenza importante
Aggiornamento dei posizionamenti monetari. Sulle Mibo numerosi nuovi ingressi di put a strike 215
Basandoci sul singolo Price Earning, i mercati azionari oggi sembrano palesemente cari. Ma non dim